A-H | I-M | N-S | T-Z

 

A IMMA

CMBA

A DUMENEGA

A PITTIMA

AL BALLO MASCHERATO

AMICO FRAGILE

AMORE CHE VIENI, AMORE CHE VAI ANDREA

ANIME SALVE

AVE MARIA

AVE MARIA (Canto tradizionale sardo)

AVVENTURA A DURANGO

BALLATA DEGLI IMPICCATI

BALLATA DELL'AMORE CIECO

BOCCA DI ROSA

CANTICO DEI DROGATI

CANTO DEL SERVO PASTORE

CANZONE DEL MAGGIO

CANZONE DEL PADRE

CANZONE DELL'AMORE PERDUTO CANZONE PER L'ESTATE

CARLO MARTELLO

CODA DI LUPO

CORALE

CREUZA DE M

DA A ME RIVA

DELITTO DI PAESE

DISAMISTADE

DOLCE LUNA

DOLCENERA

DON RAFFAE'

DORMONO SULLA COLLINA

E FU LA NOTTE

FILA LA LANA

FIUME SAND CREEK

FRANZISKA

GEORDIE

GIOVANNA D'ARCO

GIROTONDO

GIUGNO '73

HO VISTO NINA VOLARE

HOTEL SUPRAMONTE

 

A IMMA
Ti t'adescie 'nsce l'ndegu du matin
ch' luxe a l' 'n p 'n tra e l'atru in m
ti t'ammie a ou spegiu de 'n tianin
ou ou s'ammi a ou spegiu d ruz
Ti mettie ou brgu rddenu'nte 'n cantn
che se d' cappa a sgggia 'n cuxin-a stria
a xea de cunt 'e pgge che ghe sn
'a imma a l' za pinn-a a l' za cxia
sern tra sca
carne tnia nu fate nigra
nu turn da.
Bell'ouegg strapunta de tttu bun
prime de battezalu 'ntou prebuggiun
cun dui aguggiuin dritu 'n punta de p
da srvia 'n z fitu ti 'a punzigg
ia de ln-a vgia de ciaeu de ngia
ch'ou cgu ou prde 'a tsta l'se ou sent
ond de m misciu de prsa lgia
cos'tru fa cos'tru dghe a ou .
sern tra sca
carne tnia nu fate nigra
nu turn da.
e'nt'ou nme de Maria
ttti dii da sta pgnatta
anne via.
Poi vegnan a pigitela i cm
te lascian tttu ou fmmu d'ou toeu mest
tucca a ou fantin prima coutel
mang mang nu si chi ve mangi
sern tra sca
carne tnia nu fate nigra
nu turn da.
e'nt'ou nme de Maria
ttti dii da sta pgnatta
anne via.

CMBA
Pret.: Gh'ivu 'na blla cmb ch' l' xeua foea de c
gianca cun' nie ch' deslngue a cian d' s
Coro: duv' l duv' l duv' l duv' l
che l'han vurscia vdde ceg l'e a st cas
spita cume liagua ch' derua z p'ou ri
nu ghe n' nu ghe nu ghe n' nu ghe n'
Padre: Cu ou m zuenott ve prta miga na smangiaxn
che se cusc fise purisci an vene 'n gattixn
Coro: nu ghe n' nu ghe n'
nu ghe n' nu ghe nu ghe n'
Pret.: Vgnu d' c du rttu ch'ou magn ou slig i p
(Padre: Ch de cumbe d'tri nu n' vegne nu se n' ps)
Pret.: Vgnu c'ou ceu marttu de 'na pascin che nu ghe n' nu ghe n'
(Padre: Chi gh' 'na cumba gianca ch' nu l' vostra ch' l' a m)
Coro: nu ghe n' d'atri nu ghe n' / d'atri nu ghe nu ghe n'
A l' xea a l' xea / cumba gianca
de noette l' xea / au cin d s
truvin truvin / cumba gianca
de mzu truvin / au cin d'ou pn
Pret.: Vu nu vurisci dmela sta cumba da mai
gianca cum' nie ch' deslengue 'nt ou ri
Coro: nu ghe n' nu ghe n'
nu ghe n' nu ghe nu ghe n'
Mi che sta cumba blla st de lungu barbaciu
che n'u m posse vdde scricchi 'nt n'tru nu
nu ghe n' nu ghe nu ghe n'
Coro: nu ghe n' nu ghe n'
Pret.: tegni dindanase sutt' 'n angiu de meigran
cu' cua ch'ou l'ha d' sea man linga d'ou bambaxia
Coro: duv' duv' l'
duv' l' duv' duv' l'
duv' l' duv' l' duv' l'
Padre: Zuenu ch'ei bn parlou 'nte sa seian-a de frev
(Pret.: tegni dindanase sutt' 'n angiu de meigran)
Padre: saei che sta cumba mzu a xea d' me 'nt vostra c
nu ghe n' d'atri nu gh' n'
(Pret.: cu' cua ch'ou l'ha d' sea man linga d'ou bambaxia)
Coro: nu ghe nu ghe n'
nu ghe n' d'atri nu ghe n' nu ghe n'
A l' xea a l' xea / cumba gianca
de noette l' xea / au cin d s
truvin truvin / cumba gianca
de mzu truvin / au cin d'ou pn
duv' l' duv' l' / ch' ne s'ascunde
se mai se mai / au cian du pn
cum' l' cum' l' / l' cum' nie
ch' vn zu deslengu / da ou ri
A l' xea a l' xea / cumba gianca
de mzu truvin / au cin d'ou pn
duv' l' duv' l' / ch' ne s'ascunde
se mai se mai / au cian du pn
Cumba cumbtta / bccu de sa
srva striggiun c'ou maiu 'n giandn
Martin ou va p / cun' l'ze der
fogu de lgne nime in e

A DUMENEGA
Quan-du a dumenga fan u giu cappellin neuvu,
neuvu vestiu, cu 'a madama madama 'n testa o belin che
festa o belin che festa.
A tutti apreuvu a prucessiun, d'a Teresina du Teresun,
tutti a mia e figge du diau
che belin de lou, che belin de lou.
E a stu lucia de cheusce e de tettin ghe fan usciatu anche i ciu piccin,
mama mama damme e palanche
veuggiu ana a casin veuggiu ana a casin
e ciu s'addentran inta cittae ciu euggie vuxi ghe dan dere ghe dixan
quellu che nu peuan di de zeuggia, sabbu e de lunedi.
Ritornello
A Ciamberlin sussa belin, a Fuxe cheusce de sciaccanuxe,
in caignan musse de tersa man e in Puntexellu
ghe mustran l'oxellu.
A Ciamberlin sussa belin, a Fuxe cheusce de sciaccanuxe,
in caignan mussse de tersa man e in Puntexellu
ghe mustran l'oxellu.
E u direttu du portu c'u ghe vedde l'ou
'nte quelle sciappe a reposo da u lou,
pe nu fa vedde ch'u l'e' cuntentu
ch'u meu neuvu u gh'a u finansiamentu,
u se cunfunde 'nta cunfusiun
cun l'euggiu pin de indignasiun
e u ghe cria u ghe cria dare'
"bagasce sei e ghe reste'",
e ti che ti ghe sbraggi apreuvu
mancu ciu a nasu gh' avei de neuvu,
bruttu galusciu de'n purtou de Cristu
ne t'e' l'unico ch'u se n'e' avvistu
che in mezu a quelle creatue,
che se guagnan u pan da nue,
a gh'e' a gh'e' a gh'e' a gh'e' anche teu mugge'.
A Ciamberlin sussa belin, a Fuxe cheusce de sciaccanuxe,
in caignan mussse de tersa man e in Puntexellu
ghe mustran l'oxellu.

A PITTIMA
Cosa ghe possu ghe possu fa
se nu gho e brasse pe fa u maina,
se in fundo e brasse nu gho e man du
massacan.
E mi gh'o 'n pugnu duu
ch'u pa'n niu,
gh'o 'na cascetta larga 'n diu,
giustu pe ascundime c'u vestiu dere 'n fiu.
E vaddu in giu a cerca i dine',
a chi se i tegne e ghe l'an preste
e ghe i dumandu timidamente
ma in mezu a gente.
E a chi nu veu dase raxun
che pa de stranua cuntru u trun,
ghe mandu a di
che vive l'e' cau ma a bun mercou.
Mi sun 'na Pittima 'rispetta
e nu ana 'ngiu a cunta
che quandu a vittima l'e' 'n strasse
ghe do du mae.

AL BALLO MASCHERATO
Cristo drogato da troppe sconfitte cede alla complicita'
di Nobel che gli espone la praticita' di un eventuale
premio della bonta'.
Maria ignorata da un edipo ormai scaltro
mima una sua nostalgia di nativita', io con la
mia bomba porto la novita', la bomba che debutta in societa',
al ballo mascherato della celebrita'.
Dante alla porta di paolo e Francesca spia chi fa meglio di lui,
li' dietro si racconta un'amore normale,
ma lui sapra' poi renderlo tanto geniale
e il viaggio all'inferno ora fallo da solo,
con l'ultima invidia lasciata la' sotto un lenzuolo,
sorpresa sulla porta d'una felicita' la bomba
ha risparmiato la normalita', al ballo mascherato della celebrita'.
La bomba non ha una natura gentile
ma spinta da imparzialita' sconvolge
l'improbabile intimita' di un'apparente Statua della Pieta'.
Grimilde di Manhattan, Statua della Liberta',
adesso non ha piu' rivali la tua vanita'
e il gioco dello specchio non si ripetera'
"Son piu' bella io o la Statua della Pieta'"
dopo il ballo mascherato della celebrita'.
Nelson strappato al suo carnevale rincorre la sua identita'
e cerca la sua maschera, l'orgoglio, lo stile,
impegnati sempre a vincere e mai a morire.
Poi dalla feluca ormai a brandelli
tenta di estrarre il coniglio della sua Trafalgar
e nella sua agonia sparsa di qua, di la',
implora una Sant'Elena anche in comproprieta'
al ballo mascherato della celebrita'.
Mio padre pretende aspirina ed effetto
e inciampa nella sua autorita', affida ad
una vestaglia il suo ultimo ruolo, ma lui esplode dopo, prima il suo decoro.
Mia madre si approva in frantumi di specchio,
dovrebbe accettare la bomba con serenita',
il martirio e' il suo mestiere, la sua vanita',
ma ora accetta di morire soltanto a meta'.
La sua parte ancora viva fa tanta pieta' al ballo mascherato della celebrita'.
Qualcuno ha lasciato la luna nel bagno accesa soltanto a meta',
quel poco che basta a contare i caduti,
stupirmi della loro fragilita',
e adesso puoi togliermi i piedi dal collo
amico che mi hai insegnato "Come si fa" se no ti porto indietro di qualche minuto,
ti metto a conversare, e ti ci metto seduto tra Nelson e la Statua della Pieta'
al ballo mascherato della celebrita'.

AMICO FRAGILE
Evaporato in una nuvola rossa,
in una delle molte feritoie della notte con un bisogno d'attenzione,
d'amore troppo "Se mi vuoi bene piangi" per essere corrisposti.
Valeva la pena divertirvi le serate estive con un
semplicissimo "Mi ricordo",
per osservarvi affittare un chilo d'erba ai contadini in pensione e alle loro
donne e regalare a piene mani oceani ed altre
ed altre onde ai marinai in servizio, fino a scoprire ad uno
ad uno i vostri nascondigli, senza rimpiangere la mia credulita';
perche' gia' dalla prima trincea ero piu' curioso di voi,
ero molto piu' curioso di voi.
E poi sospeso tra i vostri "Come sta",
meravigliato da luoghi meno comuni e piu' feroci,
tipo "Come ti senti amico, amico fragile,
se vuoi potro' occuparmi un'ora al mese di te"
"Lo sa che io ho perduto due figli"
"Signora lei e' una donna piuttosto distratta"
e ancora ucciso dalla vostra cortesia
nell'ora in cui un mio sogno ballerina di seconda fila, agitava
per chissa' quale avvenire il suo presente
di seni enormi e il suo cesareo fresco,
pensavo e' bello che dove finiscano le mie dita
debba in qualche modo incominciare una chitarra
e poi seduto in mezzo ai vostri arrivederci,
mi sentivo meno stanco di voi,
ero molto meno stanco di voi.
Potevo stuzzicare i pantaloni della sconosciuta
fino a vederle spalancarsi la bocca.
Potevo chiedere ad uno qualunque dei miei figli
di parlare ancora male ad alta voce di me.
Potevo barattare la mia chitarra ed il suo elmo
con una scatola di legno che dicesse perderemo.
Potevo chiedervi come si chiama il vostro cane,
il mio e' un po' di tempo che si chiama Libero.
Potevo assumere un cannibale al giorno
per farmi insegnare la mia distanza dalle stelle.
Potevo attraversare litri e litri di corallo
per raggiungere un posto che si chiamasse
"arrivederci"
e mai che mi sia venuto in mente,
di essere piu' ubriaco di voi,
di essere molto piu' ubriaco di voi.

AMORE CHE VIENI, AMORE CHE VAI
Quei giorni perduti a rincorrere il vento
a chiederci un bacio e volerne altri cento,
un giorno qualunque li ricorderai
amore che fuggi da me tornerai.
Un giorno qualunque li ricorderai
amore che fuggi da me tornerai.
E tu che con gli occhi di un altro colore
mi dici le stesse parole d'amore,
fra un mese, fra un anno scordate le avrai
amore che vieni da me fuggirai.
Fra un mese, fra un anno scordate le avrai
amore che vieni da me fuggirai.
Venuto dal sole o da spiagge gelate,
perduto in novembre o col vento d'estate
io t'ho amato sempre non t'ho amato mai;
amore che vieni amore che vai.
Io t'ho amato sempre non t'ho amato mai;
amore che vieni amore che vai.

ANDREA
Andrea s' perso s' perso e non sa tornare
Andrea s' perso s' perso e non sar tornare
Andrea aveva un amore: Riccioli Neri
Andrea aveva un dolore: Riccioli Neri
C'era scritto sul foglio ch'era morto sulla bandiera
C'era scritto e la firma era d'oro era firma di re
Ucciso sui monti di Trento dalla mitraglia
Ucciso sui monti di Trento dalla mitraglia
Occhi di bosco contadino del regno profilo francese
Occhi di bosco soldato del regno profilo francese
E Andrea l'ha perso ha perso l'amore la perla pi rara
E Andrea ha in bocca un dolore la perla pi scura
Andrea raccoglieva violette ai bordi del pozzo
Andrea gettava Riccioli Neri nel cerchio del pozzo
Il secchio gli disse - Signore il pozzo profondo
pi fondo del fondo degli occhi della Notte del Pianto.
Lui disse - Mi basta, mi basta che sia pi profondo di me
Lui disse - Mi basta, mi basta che sia pi profondo di me

ANIME SALVE
Mille anni al mondo mille ancora
che bell'inganno sei anima mia
e che bello il mio tempo che bella compagnia
sono giorni di finestre adornate
canti di stagione
anime salve in terra e in mare
sono state giornate furibonde
senza atti d'amore
senza calma di vento
solo passaggi e passaggi
passaggi di tempo
ore infinite come costellazioni e onde
spietate come gli occhi della memoria
altra memoria e non basta ancora
cose svanite facce e poi il futuro
i futuri incontri di belle amanti scellerate
saranno scontri
saranno cacce coi cani e coi cinghiali
saranno rincorse morsi e affanni per mille anni
mille anni al mondo mille ancora
che bell'inganno sei anima mia
e che grande il mio tempo che bella compagnia
mi sono spiato illudermi e fallire
abortire i figli come i sogni
mi sono guardato piangere in uno specchio di neve
mi sono visto che ridevo
mi sono visto di spalle che partivo
ti saluto dai paesi di domani
che sono visioni di anime contadine
in volo per il mondo
mille anni al mondo mille ancora
che bell'inganno sei anima mia
e che grande questo tempo che solitudine
che bella compagnia

AVE MARIA
E te ne vai, Maria, fra l'altra gente che si raccoglie
intorno al tuo passare, siepe di sguardi che non fanno
male nella stagione di essere madre.
Sai che fra un'ora forse piangerai,
poi la tua mano nascondera' un sorriso: gioia e dolore hanno il confine
incerto nella stagione che illumina il viso.
Ave Maria, adesso che sei donna, ave alle donne come te,
Maria, femmine un giorno per un nuovo amore
povero o ricco, umile o Messia.
Femmine un giorno e poi madri per sempre
nella stagione che stagioni non sente.

AVE MARIA (CANTO TRADIZIONALE SARDO)
Deus Deus ti salve Maria
chi chi ses de grazia piena
de grazia ses sa ivena
ei sa currente...
ei sa currente...
Su, su Deus onnipotente
cun, cun tegus est istadu
pro chi t'ha preservadu
immaculata
Bene, beneitta e laudada
supra, supra e tottu gloriosa
mama fizza e isposa
de su Segnore
Bene, beneittu su fiore
chi, chi es fruttu e su sinu
Gesu' fiore divinu
Segnore nostru
Pregade pregade lu a fizzu ostru
chi chi tottu sos errores
a nois sos peccadores
a nos perdone
Meda meda grazia a nos done
in vida e in sa morte
e in sa diciosa sorte
in paradisu

AVVENTURA A DURANGO
Peperoncini rossi nel sole cocente
polvere sul viso e sul cappello
io e Maddalena all'occidente
abbiamo aperto i nostri occhi oltre il cancello
ho dato la chitarra al figlio del fornaio
per una pizza ed un fucile
la ricomprer lungo il sentiero
e suoner per Maddalena all'imbrunire.
Nun chiagne Maddalena Dio ci guarder
e presto arriveremo a Durango
Strigneme Maddalena 'sto deserto finir
tu potrai ballare o Fandango
Dopo i templi aztechi e le rovine
le prime stelle sul Rio Grande
Di notte sogno il campanile
e il collo di Ramon pieno di sangue
Sono stato proprio io all'osteria
a premere le dita sul grilletto
Vieni mia Maddalena voliamo via
il cane abbaia quel che fatto fatto
Nun chiagne Maddalena Dio ci guarder
e presto arriveremo a Durango
Strigneme Maddalena 'sto deserto finir
tu potrai ballare o Fandango
Alla corrida con Tequila ghiacciata
vedremo il toreador toccare il cielo
All'ombra della tribuna antica
dove Villa applaudiva il rodeo
Il frate pregher per il perdono
ci accoglier nella missione
Avr stivali nuovi un orecchino d'oro
e sotto il livello tu farai la comunione
La strada lunga ma ne vedo la fine
arriveremo per il ballo
e Dio ci apparir sulle colline
coi suoi occhi smeraldi di ramarro
Nun chiagne Maddalena Dio ci guarder
e presto arriveremo a Durango
Strigneme Maddalena 'sto deserto finir
tu potrai ballare o Fandango
Che cosa il colpo che ho sentito
ho nella schiena un dolore caldo
siediti qui trattieni il fiato
forse non sono stato troppo scaltro
Svelta Maddalena prendi il mio fucile
guarda dove partito il lampo
miralo bene cercare di colpire
potremmo non vedere pi Durango
Nun chiagne Maddalena Dio ci guarder
e presto arriveremo a Durango
Strigneme Maddalena 'sto deserto finir
tu potrai ballare o Fandango

BALLATA DEGLI IMPICCATI
Tutti morimmo a stento ingoiando l'ultima voce,
tirando calci al vento vedemmo sfumare la luce. L'urlo
travolse il sole, l'aria divenne stretta...cristalli di parole, l'ultima
bestemmia detta.
Prima che fosse finita
ricordammo a chi vive ancora
che il prezzo fu la vita
per il male fatto in un'ora.
Poi scivolammo nel gelo di una morte senza abbandono,
recitando l'antico credo di chi muore senza perdono.
Chi derise la nostra sconfitta
e l'estrema vergogna ed il modo,
soffocato da identica stretta impari a conoscere il nodo.
Chi la terra ci sparse sull'ossa e
riprese tranquillo il cammino,
giunga anch'egli stravolto alla fossa
con la nebbia del primo mattino.
La donna che celo' in un sorriso
il disagio di darci memoria,
ritrovi ogni notte sul viso
un insulto del tempo ed una scoria.
Coltiviamo per tutti un rancore che
ha l'odore del sangue rappreso,
cio' che allora chiamammo dolore
e' soltanto un discorso sospeso.

BALLATA DELL'AMORE CIECO (O DELLA VANITA')
Un uomo onesto, un uomo probo, tra-la-la-lalla
tra-la-la-lero
s'innamor perdutamente di una che non lo amava niente.
Gli disse: "Portami domani", tra-la-la-lalla
tra-la-la-lero
gli disse: "Portami domani il cuore di tua madre per i miei cani".
Lui dalla madre and e l'uccise, tra-la-la-lalla
tra-la-la-lero,
dal petto il cuore le strapp
e dal suo amore ritorn.
Non era il cuore, non era il cuore,
tra-la-la-lalla tra-la-la-lero,
non le bastava quell'orrore
voleva un'altra prova del suo cieco amore.
Gli disse ancor: "se mi vuoi bene"
tra-la-la-lalla tra-la-la-lero
gli disse ancor: "se mi vuoi bene
tagliati, di polsi, le quattro vene".
Le vene ai polsi lui si tagli,
tra-la-la-lalla tra-la-la-lero,
e come il sangue ne sgorg
correndo come un pazzo da lei torn.
Gli disse lei, ridendo forte
tra-la-la-lalla tra-la-la-lero,
gli disse lei, ridendo forte:
"l'ultima tua prova sar la morte".
E mentre il sangue lento usciva
e ormai cambiava il suo colore
la vanit fredda gioiva :
un uomo s'era ucciso per il suo amore.
Fuori soffiava dolce il vento
tra-la-la-lalla tra-la-la-lero,
ma lei fu presa da sgomento quando lo vide morir contento
morir contento e innamorato
quando a lei niente era restato
non il suo amore, non il suo bene
ma solo il sangue secco delle sue vene.

BOCCA DI ROSA
La chiamavano Bocca di Rosa
metteva l'amore, metteva l'amore,
la chiamavano Bocca di Rosa
metteva l'amore sopra ogni cosa.
Appena scesa alla stazione
del paesino di Sant'Ilario
tutti s'accorsero con uno sguardo
che non si trattava di un missionario.
C' chi l'amore lo fa per noia
chi se lo sceglie per professione
Bocca di Rosa n l'uno n l'altro
lei lo faceva per passione.
Ma la passione spesso conduce
a soddisfare le proprie voglie
senza indagare se il concupito
ha il cuore libero oppure ha moglie.
E fu cos che da un giorno all'altro
Bocca di Rosa si tir addosso
l'ira funesta delle cagnette
a cui aveva sottratto l'osso.
Ma le comari di un paesino
non brillano certo in iniziativa
le contromisure fino a quel punto
si limitavano all'invettiva.
Si sa che la gente d buoni consigli
sentendosi come Ges nel tempio
si sa che la gente d buoni consigli
se non pu pi dare cattivo esempio;
cos una vecchia mai stata moglie
senza mai figli senza pi voglie,
si prese la briga e di certo il gusto
di dare a tutte il consiglio giusto.
E rivolgendosi alle cornute
le apostrof con parole argute:
"Il furto d'amore sar punito - disse -
dall'ordine costituito".
E quelle andarono dal commissario
e dissero senza parafrasare :
"Quella schifosa ha gi troppi clienti
pi di un consorzio alimentare".
E arrivarono quattro gendarmi
con i pennacchi con i pennacchi
ed arrivarono quattro gendarmi
con i pennacchi e con le armi.
Spesso gli sbirri e i carabinieri
al proprio dovere vengono meno
ma non quando sono in alta uniforme
e l'accompagnarono al primo treno.
Alla stazione c'erano tutti
dal commissario al sagrestano
alla stazione c'erano tutti
con gli occhi rossi e il cappello in mano
a salutare chi per un poco
senza pretese senza pretese
a salutare chi per un poco
port l'amore nel paese.
C'era un cartello giallo
con una scritta nera
diceva: "Addio Bocca di Rosa,
con te se ne parte la primavera".
Ma una notizia un po' originale
non ha bisogno di alcun giornale
come una freccia dall'arco scocca
vola veloce di bocca in bocca.
E alla stazione successiva
molta pi gente di quando partiva
chi manda un bacio chi getta un fiore
chi si prenota per due ore.
Persino il parroco che non disprezza
fra un miserere e un'estrema unzione
il bene effimero della bellezza
la volle accanto i processione.
E con la Vergine in prima fila
e Bocca di Rosa poco lontano
si porta a spasso per il paese
l'amore sacro e l'amor profano.

CANTICO DEI DROGATI
Ho licenziato Dio, gettato via un amore
per costruirmi il vuoto, nell'anima e nel cuore. Le parole che dico
non hanno piu' forma, ne' accento,
si trasformano i suoni in un sordo lamento. Mentre fra gli altri nudi
io striscio verso un fuoco che illumina i fantasmi di questo osceno gioco.
Come potro' dire a mia madre...che ho paura.
Chi mi riparlera' di domani luminosi,
dove i muti canteranno e taceranno i noiosi?
Quando riascoltero' il vento tra le foglie
sussurrare i silenzi che la sera raccoglie?
Io che non vedo piu' che folletti di vetro che mi spiano
davanti, che mi ridono dietro...
Come potro' dire a mia madre...che ho paura.
Perche' non hanno fatto delle grandi pattumiere
per i giorni gia' usati, per queste ed altre sere?
E chi, e chi sara' mai il buttafuori del sole
chi lo spinge ogni giorno sulla scena alle prime ore?
E sopratutto chi e perche' mi ha messo al mondo,
dove vivo la mia morte con anticipo tremendo?
Come potro' dire a mia madre...che ho paura.
Quando scadra' l'affitto di questo corpo idiota,
allora avro' il mio premio come una buona nota.
Mi citeran di monito a chi crede sia bello giocherellare a palla
con il proprio cervello.
Cercando di lanciarlo oltre il confine stabilito che
qualcuno ha tracciato ai bordi dell'infinito.
Come potro' dire a mia madre...che ho paura.
Tu che m'ascolti insegnami un alfabeto
che sia differente da quello della mia vigliaccheria.

CANTO DEL SERVO PASTORE
Dove fiorisce il rosmarino c' una fontana scura
dove cammina il mio destino c' un filo di paura
qual' la direzione nessuno me lo impar
qual' il mio vero nome ancora non lo so.
Quando la luna perde la lana e il passero la strada
quando ogni angelo alla catena ed ogni cane abbaia
prendi la tua tristezza in mano e soffiala nel fiume
vesti di folgie il tuo dolore e coprilo do piume.
Sopra ogni cisto da qui al mare c' un p dei miei capelli
sopra ogni sughera il disegno di tutti i miei coltelli
l'amore delle case l'amore bianco vestito
io non l'ho mai saputo e non l'ho mai tradito.
Mio padre un falco mia madre un pagliaio
stanno sulla collina i loro occhi senza fondo seguono la mia luna
notte notte notte sola sola come il mio fuoco
piega la testa sul cuscino e spegnilo poco a poco.

CANZONE DEL MAGGIO
Anche se il nostro maggio ha fatto a meno del vostro coraggio,
se la paura di guardare vi ha fatto chinare
il mento, se il fuoco ha risparmiato le vostre millecento,
anche se voi vi credete assolti siete lo stesso
coinvolti.
E se vi siete detti "non sta' succedendo niente,
le fabbriche riapriranno,
arresteranno qualche studente",
convinti che fosse un gioco
a cui avremmo giocato poco,
provate pure a credervi assolti, siete lo stesso coinvolti.
Anche se avete chiuso le vostre porte sul nostro muso,
la notte che le "pantere"
ci morderanno il sedere,
lasciandoci in buona fede massacrare sui marciapiedi,
anche se ora ve ne fregate, voi quella notte, voi c'eravate.
E se nei vostri quartieri
tutto e' rimasto come ieri,
senza le barricate,
senza feriti, senza granate,
se avete preso per buone le verita' della televisione
anche se allora vi siete assolti siete lo stesso coinvolti.
E se credete ora
che tutto sia come prima
perche' avete votato ancora
la sicurezza, la disciplina,
convinti di allontanare la paura di cambiare,
verremo ancora alle vostre porte e grideremo ancora piu' forte:
"Per quanto voi vi crediate assolti siete per sempre coinvolti,
per quanto voi vi crediate assolti siete per sempre coinvolti".

CANZONE DEL PADRE
Vuoi davvero lasciare ai tuoi occhi
solo i sogni che non fanno svegliare? "Si' vostro Onore, ma li voglio
piu' grandi"."C'e' li' un posto, lo ha lasciato tuo padre:
non dovrai che restare sul ponte e guardare le altre
navi passare, le piu' piccole dirigile al fiume,
le piu' grandi sanno gia' dove andare". Cosi' son diventato
mio padre, ucciso in un sogno precedente.
Il tribunale mi ha dato fiducia, assoluzione, delitto, lo stesso
movente.
E ora Berto, figlio della lavandaia, compagno di scuola,
preferisce imparare a contare sulle antenne dei grilli,
non usa mai bolle di sapone per giocare;
seppelliva sua madre in un cimitero di lavatrici,
avvolta in un lenzuolo quasi come gli eroi
si fermo' un attimo per suggerire a Dio
di continuare a farsi i fatti suoi.
E scappo' via con la paura di arrugginire, il giornale di ieri lo da' morto arrugginito
i becchini ne raccolgono spesso fra la gente che si lascia piovere addosso.
Ho investito il denaro e gli affetti, banca e famiglia danno rendite sicure
con mia moglie si discute l'amore, ci sono distanze, non ci sono paure
ma ogni notte lei mi si arrende piu' tardi, vengono uomini,
ce n'e' uno piu' magro
ha una valigia e due passaporti,
lei ha gli occhi di una donna che pago.
Commissario io ti pago per questo,
lei ha gli occhi di una donna che e' mia,
l'uomo magro ha le mani occupate,
una valigia di ciondoli ed un foglio di via.
Non ha piu' la faccia del suo primo hascish,
e' il mio ultimo figlio, il meno voluto
ha pochi stracci dove inciampare, non gli importa di alzarsi
nemmeno quando e' caduto.
I miei alibi prendono fuoco, il Guttuso ancora da autenticare
adesso le fiamme mi avvolgono il letto questi i sogni che non fanno svegliare.
Vostro Onore, sei un figlio di troia,
mi sveglio ancora e mi sveglio sudato,
ora aspettami fuori dal sogno,
ci vedremo davvero, io ricomincio da capo.

CANZONE DELL'AMORE PERDUTO
Ricordi sbocciavan le viole con le nostre parole: "non ci lasceremo mai, mai e
poi mai".
Vorrei dirti, ora, le stesse cose ma come fan presto, amore, ad appassir le
rose, cosi' per noi.
L'amore che strappa i capelli e' perduto ormai, non resta che qualche svogliata
carezza
e un po' di tenerezza.
E quando ti troverai in mano quei fiori appassiti al sole
d'un Aprile ormai lontano,
li rimpiangerai.
Ma sara' la prima che incontri per strada
che tu coprirai d'oro per un bacio mai dato,
per un amore nuovo.
Ma sara' la prima che incontri per strada
che tu coprirai d'oro per un bacio mai dato,
per un amore nuovo.

CANZONE PER L'ESTATE
Con tua moglie che lavava i piatti in cucina e non capiva;
con tua figlia che provava il suo vestito nuovo e
sorrideva; con la radio che ronzava per il mondo cose
strane e il respiro del tuo cane che dormiva.
Coi tuoi santi sempre pronti a benedire i tuoi sforzi per il pane;
con il tuo bambino biondo cui hai
donato una una pistola per Natale, che sembra vera;
con il letto in cui tua moglie non ti ha mai saputo
dare e gli occhiali che tra un po' dovrai cambiare...
Com'e' che non riesci piu' a volare, com'e' che non riesci piu' a volare,
com'e' che non riesci piu' a volare,
com'e' che non riesci piu'....a volare.
Con le tue finestre aperte sulla strada e gli occhi chiusi sulla gente
con la tua tranquillita', lucidita', soddisfazione permanente
con la tua coda di ricambio, con le tue nuvole in affitto,
con le tue rondini di guardia sopra il tetto.
Con il tuo francescanesimo a puntate e la tua dolce consistenza
con il tuo ossigeno purgato e le tue onde regolate in una stanza,
col permesso di trasmettere ed il divieto di parlare
ogni giorno un'altro giorno da contare...
Com'e' che non riesci piu' a volare, com'e' che non riesci piu' a volare,
com'e' che non riesci piu' a volare,
com'e' che non riesci piu'....a volare.
Con i tuoi entusiasmi lenti, precisati da ricordi stagionali
e una bella addormentata che si sveglia a tutto quel che le regali
con il tuo collezionismo di parole complicate
la tua ultima canzone per l'Estate.
Con le tue mani di carta per avvolgere altre mani normali
con l'idiota in giardino ad isolare le tue rose migliori
con il tuo freddo di montagna ed il divieto di sudare e piu'
niente per poterti vergognare...
Com'e' che non riesci piu' a volare, com'e' che non riesci piu' a volare,
com'e' che non riesci piu' a volare,
com'e' che non riesci piu'....a volare.

CARLO MARTELLO (RITORNA DALLA BATTAGLIA DI POITIERS)
Re Carlo tornava dalla guerra
lo accoglie la sua terra cingendolo d'allor.
Al sol della calda primavera
lampeggia l'armatura del sire vincitor.
Il sangue del principe e del Moro
arrossano il cimiero di identico color
ma pi che del corpo le ferite
da Carlo son sentite le bramosie d'amor.
Se ansia di gloria, sete ed onore
spegne la guerra al vincitore
non ti concede un momento per fare l'amore.
Chi poi impone alla sposa soave
di castit la cintura, ahim, grave,
in battaglia pu correre il rischio di perder la chiave.
Cos si lamenta il Re cristiano,
s'inchina intorno il grano, gli son corona i fior.
Lo specchio di chiara fontanella
riflette fiero in sella dei Mori il vincitor.
Quand'ecco nell'acqua si compone
mirabile visione, il sombolo d'amor
nel folto di lunghe trecce bionde
il seno si confonde ignudo in pieno sol.
"Mai non fu vista cosa pi bella,
mai io non colsi siffatta pulzella"
disse Re Carlo scendendo veloce di sella.
"Deh, cavaliere non v'accostate,
gi d'altri gaudio quel che cercate,
ad altra pi facile fonte la sete calmate".
Sopreso da dire s deciso,
sentendosi deriso Re Carlo s'arrest
ma pi dell'onor pot il digiuno,
fremente l'elmo bruno, il Sire si lev.
Codeste era l'arma sua segreta,
da Carlo spesso usata in gran difficolt,
alla donna apparve un gran nasone,
un volto da caprone, ma era sua Maest.
"Se voi non foste il mio sovrano"
Carlo si sfila il pesante spadone
"non celerei il desio di fuggirvi lontano.
Ma poich siete il mio Signore,"
Carlo si toglie l'intero gabbione
"debbo concedermi spoglia ad ogni pudore".
Cavaliere egli era assai valente
ed anche in quel frangente d'onor si ricopr
e giunto allafin della tenzone
incerto sull'arcione tent di risalir.
Veloce lo arpiona la pulzella
repente, una parcella presenta al suo Signor
"Deh! Proprio perch voi siete il Sire
fan cinquemila lire, un prezzo di favor".
"E' mai possibile, o porco di un cane,
che le avventure in codesto reame
debban risolversi tutte con grandi puttane.
Anche sul prezzo c' poi da ridire,
ben mi ricordo che pria di partire,
v'eran tariffe inferiori alle tremila lire".
Ci detto ag da gran cialtrone,
con balzo da leone in sella si lanci
frustando il cavallo come un ciuco
tra i glicini e il sambuco il Re si dilegu.
Re Carlo tornava dalla guerra
lo accoglie la sua terra cingendolo d'allor.
Al sol della calda primavera
lampeggia l'armatura del sire vincitor.

CODA DI LUPO
Quand'ero piccolo m'innamoravo di tutto correvo dietro ai cani
e da marzo a febbraio mio nonno vegliava
sulla corrente di cavalli e di buoi
sui fatti miei e sui fatti tuoi
E al dio degli inglesi non credere mai
E quando avevo duecento lune e forse qualcuna di troppo
rubai il primo cavallo e mi fecero uomo
cambiai il mio nome in "Coda di lupo"
cambiai il mio pony con un cavallo muto
E al loro dio perdente non credere mai
E fu nella notte della lunga stella con la coda
che trovammo mio nonno crocefisso sulla chiesa
crocifisso con forchette che si usano a cena
era sporco e pulito di sangue e di crema
E al loro dio goloso non credere mai
E forse avevo diciott'anni e non puzzavo pi di serpente
possedevo una spranga un cappello e una fionda
e una notte di gala con un sasso a punta
uccisi uno smoking e glielo rubai
E al dio della Scala non credere mai
Poi tornammo in Brianza per l'apertura della caccia al bisonte
ci fecero l'esame dell'alito e delle urine
ci spieg il meccanismo un poeta andaluso
- Per la caccia al bisonte - disse - Il numero chiuso
E a un dio a lieto fine non credere mai
Ed ero gi vecchio quando vicino a Roma al Little Big Horn
"Capelli corti" generale ci parl all'universit
dei "Fratelli tute blu" che seppellirono le asce
ma non fumammo con lui non era venuto in pace
E a un dio fatti il culo non crede mai
E adesso che ho bruciato venti figli sul mio letto di sposo
che ho scaricato la mia rabbia in un teatro di posa
che ho imparato a pescare con le bombe a mano
che mi hanno scolpito in lacrime sull'Arco di Traiano
con un cucchiaio di vetro scavo nella mia storia
ma colpisco un po' a casaccio perch non ho pi memoria
E a un dio senza fiato non credere mai

CORALE
CORO
C'era un re che aveva due castelli: uno d'argento, uno d'oro.
Ma per lui non il cuore di un amico, mai
un'amore, ne' felicita'.
RECITATO
Uomini senza fallo, semidei che vivete in castelli inargentati, che di
gloria toccaste gli apogei, noi che invochiam pieta' siamo i drogati.
Dell'inumano varcando il confine, conoscemmo anzitempo la carogna che ad ogni
ambito sogno mette fine: che la pieta' non vi sia di vergogna.
Banchieri, pizzicagnoli, notai, coi ventri obesi e le mani sudate, coi cuori a
forma di salvadanai, noi che invochiam pieta' fummo traviate. Navigammo su
fragili vascelli per affrontar del mondo la burrasca ed avevamo gli occhi troppo
belli: che la pieta' non vi rimanga in tasca.
Giudici eletti, uomini di legge, noi che danziam nei vostri sogni ancora siamo
l'umano desolato gregge di chi mori' con il nodo alla gola. Quanti innocenti
all'orrenda agonia votaste, decidendone la sorte, e quanto giusta pensate che
sia una sentenza che decreta morte?
CORO
Un castello lo dono', e cento e cento amici trov.
L'altro poi gli porto' mille amori ma non trovo la felicita'.
RECITATO
Uomini cui pieta' non convien sempre, mal accetando il destino comune,
andate nelle sere di Novembre, a spiar delle stelle al fioco lume, la morte ed
il vento in mezzo ai camposanti muover le tombe e metterle vicine, come fossero
tessere giganti di un domino che non avra' mai fine.
Uomini, poiche' all'ultimo minuto non vi assalga il rimorso ormai tardivo per
non aver pieta' giammai avuto e non diventi rantolo il respiro: sappiate che la
morte vi sorveglia, gioir nei prati o fra muri di calce, come crescere il gran
guarda il Villano finche' non sia maturo per la falce.
CORO
Non cercare la felicita' in tutti quelli
a cui tu hai donato per avere un compenso,
ma solo in te, nel tuo cuore, se tu avrai donato solo per pieta',
per pieta', per pieta'...

CREUZA DE M
Umbre de muri, muri de maine' dunde ne vegni, duve
l'e' ch'a ne': de'n scitu duve a luna se mustra nua e
neutte n'a' puntou u cultellu a gua;
e a munta l'ase gh'e' restou Diou, u Diau l'e' in pe e u s'e' gh'e' faetu
niu; ne sciurtimmu da u ma pe sciuga' e osse da u Dria,
a funtana di cumbi 'nta ca de pria.
E anda e, anda e, anda ayo
e anda e, anda e, anda ayo.
E 'nt'a ca de pria chi ghe saia,
int'a ca du Dria che u nu l'e' maina'
gente de Lugan, facce da mandilla,
qui che du luassu preferiscia l'a
figge de famiggia udu de bun
che ti peu ammiale senza u gundun.
E anda e, anda e, anda ayo
e anda e, anda e, anda ayo.
E a 'ste panse veue cose che daia,
cose da beive, cose da mangia.
Frittua de pigneu giancu de Purtufin,
cervelle de bae 'nt'u meximu vin,
lasagne da fiddia ai quattru tucchi,
paciugu in aegruduse de levre de cuppi.
E anda e, anda e, anda ayo
e anda e, anda e, anda ayo.
E 'nt'a barca du vin ghe naveghiemu 'nsc'i scheuggi,
emigranti du rie cu'i cioi nt'i euggi.
Finche' u matin crescia da pueilu recheugge
fre di ganeuffeni e de figge.
Bacan d'a corda marsa d'aegua e de sa che
a ne liga e a ne porta 'nte 'na creuza de ma.
E anda e, anda e, anda ayo
e anda e, anda e, anda ayo.

DA A ME RIVA
Da me riva sulu u teu mandillu ciaeu,
da me riva 'nta mae vitta u teu fatturisu amau, 'nte mae vitta, ti me
perdunie' u magun, ma te pensu cuntru su;
e u so bent' ammii u ma, 'n po' ciu au largu du dulu'.
E sun chi affacciou a 'stu baule da maina
e sun chi a mia trei camixe de velluu,
dui cuverte u mandurlin e 'n cama de legnu duu
e 'nte 'na beretta neigra,
a teu fotu da fantin-a
pe puei baxa ancun Zena
'nscia teu bucca in naftalin - a.

DELITTO DI PAESE
Non tutti nella capitale sbocciano i fiori del male
qualche assassinio senza pretese abbiamo anche noi in paese
qualche assassinio senza pretese abbiamo anche noi qui in paese
aveva il capo tutto bianco ma il cuore non ancor stanco
gli ritorn a battere in fretta per una giovinetta
gli ritorn a battere in fretta per una giovinetta
ma la sua voglia troppo viva subito gli esauriva
in un sol bacio e una carezza l'ultima giovinezza
in un sol bacio e una carezza l'ultima giovinezza
quando la mano lei gli tese triste lui le rispose
d'essere povero in bolletta lei si rivest in fretta
d'essere povero in bolletta lei si rivest in fretta
e and a cercare il suo compagno partecipe del guadagno
e ritorn col protettore dal vecchio truffatore
e ritorn col protettore dal vecchio truffatore
mentre lui fermo lo teneva sei volte lo accoltellava
dicon che quando lui spir la lingua lei gli mostr
dicon che quando lui spir la lingua lei gli mostr
misero tutto sotto sopra senza trovare un soldo
ma solo un mucchio di cambiali e di atti giudiziali
ma solo un mucchio di cambiali e di atti giudiziali
allora presi dallo sconforto e dal rimpianto del morto
s'inginocchiaron sul povero uomo chiedendogli perdono
s'inginocchiaron sul povero uomo chiedendogli perdono
quando i gendarmi sono entrati piangenti li han trovati
fu qualche lacrima sul viso a dargli il paradiso
fu qualche lacrima sul viso a dargli il paradiso
e quando furono impiccati volarono fra i beati
qualche beghino di questo fatto fu poco soddisfatto
qualche beghino di questo fatto fu poco soddisfatto
non tutti nella capitale sbocciano i fiori del male
qualche assassinio senza pretese abbiamo anche noi in paese
qualche assassinio senza pretese abbiamo anche noi in paese

DISAMISTADE
Che ci fanno queste anime
davanti alla chiesa
questa gente divisa
questa storia sospesa
a misura di braccio
a distanza di offesa
che alla pace si pensa
che la pace si sfiora
due famiglie disarmate di sangue
si schierano a resa
e per tutti il dolore degli altri
dolore a met
si accontenta di cause leggere
la guerra del cuore
il lamento di un cane abbattutto
da un'ombra di passo
si soddisfa di brevi agonie
sulla strada di casa
uno scoppio di sangue
un'assenza apparecchiata per cena
e a ogni sparo di caccia all'intorno
si domanda fortuna
che ci fanno queste figlie
a ricamare e cucire
queste macchie di lutto
rinunciate alla'more
fra di loro si nasconde
una speranza smarrita
che il nemico la vuole
che la vuol restituita
e una fretta di mani sorprese
a toccare le mani
che dev'esserci un modo di vivere
senza dolore
una corsa degli occhi negli occhi
a scoprire che invece
soltanto un riposo del vento
un odiare a met
e alla parte che manca
si dedica l'autorit
che la disamistade
si oppone alla nostra sventura
questa corsa del tempo
a sparigliare destini e fortuna
che ci fanno queste anime
davanti alla chiesa
questa gente divisa
questa storia sospesa.

DOLCE LUNA
Cammina come un vecchio marinaio,
non ha piu' un posto dove andare, la terra sotto i piedi non lo
aspetta, strano modo di ballare.
Sua moglie ha un altro uomo e un'altra donna, e' proprio un uomo da
buttare e nelle tasche gli e' rimasta solo un po' di
polvere di mare e non puo' testimoniare.
Si muove sopra i sassi come un leone invernale,
ti puo' parlare ore ed ore della sua quarta guerra mondiale,
conserva la sua cena dentro ad un foglio di
giornale, la sua ragazza "esca dalle lunghe gambe"
fa all'amore niente male e non puo' testimoniare.
Lui vide il marinaio indiano alzarsi in piedi
e barcollare con un coltello sulla schiena,
tra la schiuma e la stella polare e il timoniere di Sciangai torno'
tranquillo a pilotare e lui lo vide con l'anello al dito
ed un altro anello da rubare, ma non puo' testimoniare.
Dal buio delle notti "Balla Linda" alla paralisi di un porto,
la luce delle stelle chiare come un rifugio capovolto,
la sua balena "Dolce luna" che lo aspetta in alto mare,
gli ha detto molte volte "Dimmi amore, con chi mi vuoi dimenticare?"
e non puo' testimoniare, e non puo' testimoniare.
E tu mi vieni a dire voglio un figlio su cui potermi regolare,
con due occhi qualunque e il terzo occhio inconfondibile e speciale,
che non ti importa niente se non riuscira' a nuotare
l'importante e' che abbia sulla guancia destra quella mia voglia di mare
e mi dici ancora che il mio nome glielo devi proprio dare,
ma non so testimoniare, io non so testimoniare.

DOLCENERA
Amiala ch' l'aria amia cum'a l' cum'a l'
amiala cum' l'aria amia ch'a l' l ch'a l' l
amiala cum' l'aria amia amia cum'a l'
amiala ch' l'aria amia ch'a l' l ch'a l' l
nera che porta via che porta via la via
nera che non si vedeva da una vita intera
cos dolce nera
nera che picchia forte che butta gi le porte
nu l' l'aegua ch' fa baggia
imbaggia imbaggia
nera di malasorte che ammazza e passa oltre
nera come la sfortuna che si fa latana
dove non c' luna luna
nera di falde amare che passano le bare
atru da stramua
a nu n'a a nu n'a
ma la moglie di Anselmo non lo deve sapere
che venuta per me
arrivata da un'ora
e l'amore ha l'amore come solo argomento
e il tumulto del cielo ha sbagliato momento
acqua che non si aspetta altro che benedetta
acqua che porta male sale dalle scale
sale senza sale sale
acqua che spacca il monte che affonda terra e ponte
nu l' l'aegua de 'na ramma
'n calab 'n calab
ma la moglie di Anselmo sta sognando del mare
quando ingorga gli anfratti si ritira e risale
e il lenzuolo si gonfia sul cavo dell'onda
e la lotta si fa scivolosa e profonda
amiala cum' l'aria amia cum'a l' cum'a l'
amiala cum' l'aria amia ch'a l' l ch'a l' l
acqua di spilli fitti dal cielo e dai soffitti
acqua per fotografie per cercare i complici da maledire
acqua che stringe i fianchi tonnara di passanti
atru da camalla
a nu n' a nu n'
oltre il muro dei vetri si risveglia la vita
che si prende per mano
a battaglia finita
come fa questo amore che dall'ansia di perdersi
ha avuto in un giorno la certezza di aversi
acqua che ha fatto sera che adesso si ritira
bassa sfila tra la gente come un innocente
che non c'entra niente
fredda come un dolore Dolcenera senza cuore
atru da rebella
a nu n' a nu n'
e la moglie di Anselmo sente l'acqua che scende
dai vestiti incollati da ogni gelo di pelle
nel suo tram scollegato da ogni distanza
nel bel mezzo del tempo che adesso le avanza
cos fu quell'amore dal mancato finale
cos splendido e vero da potervi ingannare
Amiala ch' l'aria amia cum'a l' cum'a l'
amiala cum' l'aria amia ch'a l' l ch'a l' l
amiala cum' l'aria amia amia cum'a l'
amiala ch' l'aria amia ch'a l' l ch'a l' l

DON RAFFAE'
Io mi chiamo Pasquale Cafiero
e son brigadiero del carcere oin
io mi chiamo Cafiero Pasquale
sto a Poggio reale dal cinquantatr
e al centesimo catenaccio
alla sera mi sento uno straccio
per fortuna che al braccio speciale
c' un uomo geniale che parla co' me
Tutto il giorno con quattro infamoni
briganti, papponi, cornuti e lacch
tutte l'ore co' 'sta fetenzia
che sputa minaccia e s'a piglia co' me
ma alla fine mi assetto papale
mi sbottono e mi leggo 'o giornale
mi consiglio con Don Raffa
mi spiega che penso e bevimm ' caf
Ah che bell ' caf
pure in carcere 'o sanno f
co' a ricetta ch'a Ciccirinella
compagno di cella
ci ha dato mamm
Prima pagina venti notizie
ventun'ingiustizie e lo Stato che fa
si costerna, s'indigna, s'impegna
poi getta la spugna con gran dignit
mi scervello e mi asciugo la fronte
per fortuna c' chi mi risponde
a quell'uomo sceltissimo immenso
io chiedo consenso a Don Raffa
Un galantuomo che tiene sei figli
ha chiesto una casa e ci danno consigli
mentre 'o assessore che Dio lo perdoni
'ndrento a 'e roullotte ci alleva i visoni
voi vi basta una mossa una voce
c'ha 'sto Cristo ci levano 'a croce
con rispetto s' fatto le tre
volite 'a spremuta o volite 'o caf
Ah che bell ' caf
pure in carcere 'o sanno f
co' a ricetta ch'a Ciccirinella
compagno di cella
ci ha dato mamm
Ah che bell ' caf
pure in carcere 'o sanno f
co' a ricetta di Ciccirinella
compagno di cella
preciso a mamm
Qui ci sta l'inflazione, la svalutazione
e la borsa ce l'ha chi ce l'ha
io non tengo compendio che chillo stipendio
e un ambo se sogno 'a pap
aggiungete mia figlia Innocenza
vu marito non tiene pazienza
non vi chiedo la grazia pe' me
vi faccio la barba o la fate da s
Voi tenete un cappotto cammello
che al maxi-processo eravate 'o chi bello
un vestito gessato marrone
cos ci sembrato alla televisione
pe' 'ste nozze vi prego Eccellenza
m'i prestasse pe' fare presenza
io gi tengo le scarpe o 'o gill
gradite 'o Campari o volite 'o caf
Ah che bell ' caf
pure in carcere 'o sanno f
co' a ricetta ch'a Ciccirinella
compagno di cella
ci ha dato mamm
Ah che bell ' caf
pure in carcere 'o sanno f
co' a ricetta di Ciccirinella
compagno di cella
preciso a mamm
Qui non c' pi decoro le carceri d'oro
ma chi l'ha mai viste chiss
chiste so' fatiscienti pe' chisto i fetienti
se tengono l'immunit
don Raffa voi politicamente
io ve lo giuro sarebbe 'no santo
ma 'ca dinto voi state a pag
e fora chiss'atre se stanno a spass
A proposito tengo 'no frate
che da quindici anni sta disoccupato
chill'ha fatto quaranta concorsi
novanta domande e duecento ricorsi
voi che date conforto e lavoro
Eminenza vi bacio v'imploro
chillo duorme co' mamma e co' me
che crema d'Arabia ch' chisto caf

DORMONO SULLA COLLINA
Dove se n' andato Elmer
che di febbre si lasci morire
dov' Herman bruciato in miniera
dove sono Bert e Tom
il primo ucciso in una rissa
e l'altro che usc gi morto di galera
e cosa ne sar di Charley
che cadde mentre lavorava
e dal ponte vol e vol sulla strada
Dormono, dormono sulla collina
dormono, dormono sulla collina
Dove sono Ella e Kate
morte entrambe per errore
una di aborto, l'altra d'amore
e Maggie uccisa in un bordello
dalle carezze di un animale
e Edith consumata da uno strano male.
e Lizzie che insegu la vita
lontano, e dall'Inghilterra
fu riportata in questo palmo di terra
Dormono, dormono sulla collina
dormono, dormono sulla collina
Dove sono i generali
che si fregiarono nelle battaglie
con cimiteri di croci sul petto
dove i figli della guerra
partiti per un ideale
per una truffa, per un amore finito male
hanno rimandato a casa
le loro spoglie nelle barriere
legate strette perch sembrassero intere
Dormono, dormono sulla collina
dormono, dormono sulla collina
Dov' Jones il suonatore
che fu sorpreso dai suoi novant'anni
e con la vita avrebbe ancora giocato
lui che offr la faccia al vento
la gola al vino e mai un pensiero
non al denaro, non all'amore n al cielo
lui s sembra di sentirlo
cianciare ancora delle porcate
mangiate in strada nelle ore sbagliate
sembra di sentirlo ancora
dire al mercante di liquore
"Tu che lo vendi cosa ti compri di migliore?"

E FU LA NOTTE
E fu la notte la notte per noi
notte profonda sul nostro amore
e fu la fine di tutto per noi
resta il passato e niente di pi
ma se ti dico "Non t'amo pi"
sono sicuro di non dire il vero
e fu la notte la notte per noi
buio e silenzio son scesi su noi
e fu la notte la notte per noi
buio e silenzio son scesi su noi

FILA LA LANA
Nella guerra di Valois il Signor di Vly morto
se sia stato un prode eroe non si sa
non ancor certo.
Ma la dama abbandonata lamentando la sua morte
per mill'anni e forse ancora pianger la triste sorte.
Fila la lana, fila i tuoi giorni
illuditi ancora che lui ritorni,
libro di dolci sogni d'amore
apri le pagine al suo dolore.
Son tornati a cento e a mille i guerrieri di Valois,
son tornati alle famiglie ai palazzi e alle citt.
Ma la dama abbandonata non ritrover il suo amore
e il gran ceppo del camino non varr a scaldarle il cuore.
Fila la lana, fila i tuoi giorni
illuditi ancora che lui ritorni,
libro di dolci sogni d'amore
apri le pagine al suo dolore.
Cavalieri che in battaglia ignorate la paura
stretta sia la vostra maglia,
ben temprata l'armatura.
Al nemico che vi assalta siate presti a dar risposta
perch dietro a quelle mura vi si attende senza sosta.
Fila la lana, fila i tuoi giorni
illuditi ancora che lui ritorni,
libro di dolci sogni d'amore
chiudi le pagine sul suo dolore.

FIUME SAND CREEK
Si son presi il nostro cuore sotto una coperta scura,
sotto una luna morta piccola dormivamo senza
paura...Fu un generale di vent'anni,
occhi turchini e faccia uguale, fu un generale di vent'anni, figlio d'un
temporale, c'e' un dollaro d'argento sul fondo del Sand Creek.
I nostri guerrieri troppo lontani
sulla pista del bisonte e quella musica
distante divento' sempre piu' forte
chiusi gli occhi per tre volte,
mi ritrovai ancora li',
chiesi a mio nonno e'
solo un sogno...
mio nonno disse si'...
a volte i pesci cantano sul fondo del Sand Creek.
Sognai talmente forte
che mi usci' il sangue dal naso
il lampo in un orecchio,
nell'altro il paradiso.
Le lacrime piu' piccole,
le lacrime piu' grosse
quando l'albero della neve
fiori' di stelle rosse...
ora i bambini dormono nel letto del Sand Creek.
Quando il sole alzo' la testa
tra le spalle della notte
c'erano solo cani e fumo e tende capovolte
tirai una freccia in cielo per farlo respirare,
tirai una freccia al vento per farlo sanguinare,
la terza freccia cercala sul fondo del Sand Creek.
Si son presi i nostri cuori
sotto una coperta scura,
sotto una luna morta piccola dormivamo senza paura.
Fu un generale di vent'anni occhi turchini e giacca uguale,
fu un generale di vent'anni figlio d'un temporale,
ora i bambini dormono sul fondo del Sand Creek.

FRANZISKA
Hanno detto che Franziska e' stanca di pregare,
tutta notte alla finestra aspetta il tuo segnale: quanto e'
piccolo il suo cuore, quanto e' grande la montagna,
quanto taglia il suo dolore piu' di un coltello, coltello
di Spagna...
Tu bandito senza luna, senza stelle e senza fortuna:
questa notte dormirai col suo rosario stretto intorno
al tuo fucile...
Tu bandito senza luna, senza stelle e senza fortuna:
questa notte dormirai col suo rosario stretto intorno
al tuo fucile...
Hanno detto che Franziska e' stanca di ballare
con un uomo che non ride e non la puo' baciare
tutta notte sulla quercia l'hai seguita in mezzo ai rami,
dietro il palco sull'orchestra, i tuoi occhi come due cani...
Marinaio di foresta senza sonno e senza canzoni,
senza una conchiglia da portare od una rete di illusioni...
Marinaio di foresta senza sonno e senza canzoni,
senza una conchiglia da portare od una rete di illusioni...
Hanno detto che Franziska e' stanca di posare
per un uomo che dipinge e non la puo' guardare,
filo filo del mio cuore che dagl'occhi porti al mare,
c'e' una lacrima nascosta che nessuno mi sa disegnare...
Tu bandito senza luna, senza stelle e senza fortuna,
questa notte dormirai col suo rosario stretto intorno al tuo fucile...
Tu bandito senza luna, senza stelle e senza fortuna,
questa notte dormirai col suo rosario stretto intorno al tuo fucile...
Hanno detto che Franziska non riesce piu' a cantare,
anche l'ultima sorella tra un po' vedra' sposare
l'altro giorno un altro uomo le ha sorriso per la strada
era certo un forestiero che non sapeva quel che costava...
Marinaio di foresta senza sonno e senza canzoni,
senza una conchiglia da portare od una rete di illusioni...
Marinaio di foresta senza sonno e senza canzoni, senza una conchiglia da
portare od una rete di illusioni...

GEORDIE
Mentre attraversavo London Bridge
un giorno senza sole, vidi una donna piangere d'amore,
piangeva per il suo Geordie.
Impiccheranno Geordie con una corda d'oro,
e' un privilegio raro: rubo' sei cervi dal parco del re,
vendendoli per denaro.
Sellate il suo cavallo dalla bianca criniera, sellatele il suo pony,
cavalchera' sino a Londra stasera, ad implorare per Geordie.
Geordie non rubo' mai neppure per me, un frutto o un fiore raro.
Rubo' sei cervi dal parco del re, vendendoli per denaro.
Salvate le sue labbra, salvate il suo sorriso, non ha vent'anni ancora,
cadra' l'inverno anche sopra il suo viso, potrete impiccarlo allora.
Ne' il cuore degli inglesi, ne' lo scettro del re Geordie potran salvare,
anche se piangeranno con te la legge non puo' cambiare.
Cosi' lo impiccheranno con una corda d'oro, e' un privilegio raro.
Rubo' sei cervi dal parco del re, vendendoli per denaro.

GIOVANNA D'ARCO
Attraverso il buio Giovanna D'Arco
precedeva le fiamme cavalcando
nessuna luna per la sua corazza
nessun uomo nella sua fumosa notte al suo fianco
"Della guerra sono stanca ormai
al lavoro di un tempo tornerei
a un vestito da sposa o qualcosa di bianco
per nascondere questa mia vocazione al trionfo ed al pianto"
"Son parole le tue che volevo ascoltare
ti ho spiata ogni giorno cavalcare
e a sentirti cos ora so cosa voglio
vincere un'eroina cos fredda abbracciarne l'orgoglio"
"E chi sei tu" lei disse divertendosi al gioco
"Chi sei tu che mi parli cos senza riguardo"
"Veramente stai parlando col fuoco
e amo la tua solitudine amo il tuo sguardo"
"E se tu sei il fuoco raffreddati un poco
le tue mani ora avranno da tenere qualcosa"
e tacendo gli si arrampic dentro
ad offrirgli il suo modo migliore di essere sposa
E nel profondo del suo cuore rovente
lui prese ad avvolgere Giovanna D'Arco
e l in alto e davanti alla gente
lui appese le ceneri inutili
del suo abito bianco
E fu dal profondo del suo cuore rovente
che lui prese Giovanna la colp nel segno
lei cap chiaramente
che se lui era il fuoco lei doveva essere il legno

GIROTONDO
Se verra' la guerra, Marcondiro' ndera,
se verra' la guerra, Marcondiro' nda'.
Sul mare e sulla terra, Marcondiro' ndera,
sul mare e sulla terra chi ci salvera' ?
Ci salvera' il soldato che non la vorra',
ci salvera' il soldato che la guerra rifiutera'.
La guerra e' gia' scoppiata, Marcondiro' ndera,
la guerra e' gia' scoppiata, chi ci aiutera' ?
Ci aiutera' il buon Dio, Marcondiro' ndera,
ci aiutera' il buon Dio, lui ci salvera'.
Buon Dio e' gia' scappato, dove non si sa,
buon Dio se n'e' andato, chissa' quando ritornera'.
L'aereoplano vola, Marcondiro' ndera,
l'aereoplano vola, Marcondiro' nda'.
Se gettera' la bomba, Marcondiro' ndera,
se gettera' la bomba chi ci salvera' ?
Ci salva l'aviatore che non lo fara',
ci salva l'aviatore che la bomba non gettera'.
La bomba e' gia' caduta, Marcondiro' ndera,
la bomba e' gia' caduta, chi la prendera' ?
La prenderanno tutti, Marcondiro' ndera,
sian belli o siano brutti, marcondiro' nda'.
Sian grandi o sian piccini li distruggera',
sian furbi o sian cretini li fulminera'.
Ci sono troppe buche, Marcondiro' ndera,
ci sono troppe buche chi le riempira' ?
Non potremo piu' giocare al Marcondiro' ndera,
non potremo piu' giocare al Marcondiro' nda'.
E voi a divertirvi andate un po' piu' in la',
andate a divertirvi dove la guerra non ci sara'.
La guerra e' dappertutto, Marcondiro' ndera,
la terra e' tutta un lutto, chi la consolera' ?
Ci penseran gli uomini, le bestie ed i fiori,
i boschi e le stagioni con i mille colori.
Di gente, bestie e fiori no, non ce n'e' piu',
viventi siam rimasti noi e nulla piu'.
La terra e' tutta nostra, Marcondiro' ndera,
ne faremo una gran giostra, Marcondiro' nda'.
Abbiam tutta la terra Marcondiro' ndera,
giocheremo a far la guerra, Marcondiro' nda'.

GIUGNO '73
Tua madre ce l'ha molto con me perche' sono sposato ed in piu' canto,
pero' canto bene e non so se tua madre sia altrettanto capace a vergognarsi di
me...
La gazza che ti ho regalato e' morta, tua sorella ne ha pianto:
quel giorno non avevano fiori, peccato, quel giorno vendevano solo gazze
parlanti...
...e speravo che avrebbe insegnato a tua madre a dirmi "Ciao, come stai ?",
insomma non proprio a cantare, per quello ci sono gia' io come sai...
I miei amici sono tutti educati con te, pero' vestono in modo un po' strano,
mi consigli di mandarli da un sarto e mi chiedi:
"Sono loro stasera i migliori che abbiamo ?".
E adesso ridi e ti versi un cucchiaio di mimosa
nell'imbuto di un polsino slacciato.
I miei amici ti hanno dato la mano, li accompagno,
il loro viaggio porta un po' piu' lontano.
E tu aspetta un amore piu' fidato, il tuo accendino sai io l'ho gia' regalato
e lo stesso quei due peli d'elefante, mi fermavano il sangue,
li ho dati ad un passante.
Poi il resto viene sempre da se',
i tuoi "Aiuto" saranno ancora salvati,
io mi dico e' stato meglio lasciarci
che non esserci mai incontrati.

HO VISTO NINA VOLARE
Mastica e sputa
da una parte il miele
mastica e sputa
dall'altra la cera
mastica e sputa
prima che venga neve
luce luce lontana
pi bassa delle stelle
sar la stessa mano
che ti accende e ti spegne
ho visto Nina volare
tra le corde dell'altalena
un giorno la prender
come fa il vento alla schiena
e se lo sa mio padre
dovr cambiar paese
se mio padre lo sa
mi imbarcher sul mare
mastica e sputa
da una parte il miele
mastica e sputa
dall'altra la cera
mastica e sputa
prima che faccia neve
stanotte venuta l'ombra
l'ombra che mi fa il verso
le ho mostrato il coltello
e la mia maschera di gelso
e se lo sa mio padre
mi metter in cammino
se mio padre lo sa
mi imbarcher lontano
mastica e sputa
da una parte il miele
mastica e sputa
dall'altra la cera
mastica e sputa
prima che metta neve
ho visto Nina volare
tra le corde dell'altalena
un giorno la prender
come il vento alla schiena
luce luce lontana
che si accende e si spegne
quale sar la mano
che illumina le stelle
mastica e sputa
prima che venga neve

HOTEL SUPRAMONTE
E se vai all'Hotel Supramonte e guardi il cielo
tu vedrai una donna in fiamme e un uomo solo
e una lettera vera di notte falsa di giorno
e poi scuse accuse e scuse senza ritorno
e ora viaggi vivi ridi o sei perduta
col tuo ordine discreto dentro il cuore
ma dove dov' il tuo amore,
ma dove finito il tuo amore.
Grazie al cielo ho una bocca per bere e non facile
grazie a te ho una barca da scrivere ho un treno da perdere
e un invito all'Hotel Supramonte dove ho visto la neve
sul tuo corpo cs dolce di fame cos dolce di sete
passer anche questa stazione senza far male
passer questa pioggia sottile come passa il dolore
ma dove dov' il tuo amore,
ma dove finito il tuo amore.
E ora siedo sul letto del bosco che ormai ha il tuo nome
ora il tempo un signore distratto un bambino che dorme
ma se ti svegli e hai ancora paura ridammi la mano
cosa importa se sono caduto se sono lontano
perch domani sar un giorno lungo e senza parole
perch domani sar un giorno incerto di nuvole e sole
ma dove dov' il tuo cuore,
ma dove finito il tuo cuore.